Translate

giovedì 31 gennaio 2013

PIEDONE GIOVANARDI: "ATTENDO PROPOSTE SERIE"


(31/1/2013) - E’ bastato l’annuncio della partecipazione della Petri Corse al prossimo campionato Superstars con una Porsche Panamera per far rimbalzare da tutte le parti il nome di colui che quella vettura, allora messa in pista dalla NTechnology, portò al debutto nella stessa serie e a 4 fantastiche vittorie: “Piedone” Fabrizio Giovanardi. D’obbligo, allora, sentire dal diretto interessato se siamo alla vigilia di un suo ritorno in pista dopo l’apparizione flash lo scorso anno alla 24 Ore del Nurburgring con la speciale Ferrari P4/5. “Non so nulla – mi dice subito – né sono stato contattato da nessuno. Se c’è interesse, ben vengano!”. E’ vero che il grande Fabrizio oggi ha 47 anni, ma nella categoria Turismo non mi sembra un problemone e d’altronde la voglia c’è ancora. “Eccome se c’è, l’età non conta”, mi conferma in maniera energica. E poi stiamo parlando di un campionissimo plurititolato con esperienza formidabile, monoposto comprese (cominciò sui kart 30 anni fa, anzi 31 mi corregge!).
Ma ti interesserebbe correre in Superstars?
Certo, mi solletica, sarebbe ottimale. E’ un campionato che ho lasciato in grande crescita nel 2010 e oggi cresce ancora. Molto ben organizzato, con piloti di ottimo livello.
Ma perché non ebbe seguito il discorso Panamera, tra l’altro dopo 4 vittorie a ripetizione?
Perché l’operazione non riscosse l’interesse diretto della Porsche che, anzi, remò contro. C’erano difficoltà nel varare un investimento del genere.
Nel 2011 hai vinto l’ETCC con una Honda Accord. Honda che quest’anno torna nel WTCC: hai avuto contatti?
Sì, ma Gabriele Tarquini ne aveva di più antichi ed era in predicato per quel volante. Se la Seat non si fosse disimpegnata Gabriele sarebbe rimasto con loro e io ora sarei al posto suo. Né era possibile schierare due italiani per cui l’altro volante è andato a Monteiro.
E allora? Magari intanto ti rivediamo in Australia alla 12 Ore di Bathurst, a febbraio.
Non credo, non avrebbe senso una partecipazione sporadica.
Possibilità con le vetture del Gruppo Fiat: Maserati, Ferrari?
Proprio no, lì c’è la coda. Ci sono piloti, anche blasonati, talmente affamati da essere disposti anche a vendere l’anima per un volante.
Insomma, tu cosa ti proponi? Saresti disposto a trasferirti fuori dall’Europa?
Guarda, se ne vale la pena sì. Ma deve essere una proposta davvero interessante: io voglio continuare a fare il professionista e non devo presentarmi a nessuno. Finora ho ricevuto solo offerte davvero inascoltabili. 

LA MC LAREN FA 28, LA FERRARI GLI OCCHI A MANDORLA

(31/1/2013) - Ed ecco puntualmente svelata quella che sarà certamente tra le pretendenti al titolo: la Mc Laren MP4-28. Come probabilmente tutte le altre monoposto 2013 si presenta come una naturale evoluzione del modello precedente ma da Woking ci tengono a sottolineare che non è solo questo: "è una rivisitazione vasta e profonda in molte aree chiave di un telaio già riuscito, in maniera particolare per quanto riguarda il muso, la sospensione anteriore, il profilo del sidepod e la parte posteriore della carrozzeria" (che effettivamente risulta estremamente affinata). Da ora parola a Button e Perez, chiamato, quest'ultimo, ad una stagione già decisiva per lui. 
Senza sosta! Domani tocca alla Ferrari F138 e alla Force India che, al momento, mantiene il mistero sul secondo pilota: sarà Bianchi? Tornerà Sutil? Vedremo. Ah, sulla Rossa ci sarà un pò di Cina: è stato raggiunto un accordo quadriennale di sponsorizzazione con Weichai Power, una delle Aziende leader in Cina nella produzione di componenti meccaniche per veicoli industriali pesanti, che fa parte del Gruppo Weichai. E' il primo sponsor della Scuderia ad arrivare dalla Cina, dove la Ferrari è presente da oltre vent’anni e che è diventata uno dei principali mercati per le vetture stradali del Cavallino Rampante. ...E' il mercato, bellezza!



mercoledì 30 gennaio 2013

LA F.1 E' SKY, I NUOVI NOMI (E IL VOLTO DI SARAH)



(30/1/2013) - Cominciamo ad abituarci ai volti nuovi che racconteranno la F.1 quest’anno (e per i prossimi due, almeno). Come noto, la RAI (grazie molte) ha mollato dopo un’eternità le dirette della massima formula. Questione di costi. Al suo posto, arriva SKY con la seguente squadra: Carlo Vanzini Jacques Villeneuve, Marc Gené,  Fabiano Vandone, unico transfuga dalla emittente di Stato, e Sarah Valentina Winkhaus, la giornalista italo-tedesca ex Sky Deutschland. Padre tedesco e madre fiorentina, nata a Bad Soden am Taunus, in passato ha lavorato anche a Rai3 da Bologna. Appassionata e competente di automobilismo, è stata folgorata sulla via delle vittorie a ripetizione del connazionale Michael Schumacher sulla Ferrari. Dieci Gran Premi saranno trasmessi in esclusiva live, mentre gli altri saranno ceduti ad una rete in chiaro (Rai per ora silente). SKY sta facendo le cose in grande: il 18 febbraio partirà il canale tematico monstre Sky Sport F1 HD, in onda 24 ore su 24, che ospiterà in diretta anche tutti i 19 Gran Premi del Mondiale 2013. Fino a lunedì 11 marzo il canale trasmetterà video e interviste introduttive alla stagione 2013, con la presentazione delle diverse scuderie. Con l’apertura della settimana dedicata al Gran Premio d’Australia, poi, partirà ufficialmente la programmazione standard pre GP, con highlights, speciali e rubriche dedicate, fino alla conferenza stampa del giovedì che precede le sessioni di prove libere. Chi non  ha SKY quale decisone prende? Si abbona?





FERRARI VS MC LAREN, SCONTRO TRA TITANI


(30/1/2013) - Cadono i veli delle monoposto 2013. Dopo la Lotus, domani sarà la volta della Mc Laren che alle ore 11 presenterà la MP4-28 da affidare a Button e Checo (come lo hanno ribattezzato) Perez. Per gli uomini di Martin Whitmarsh sarà anche l'occasione per cominciare a commemorare il 50° anno della Mc Laren Group. L'anniversario della grande avventura motoristica avviata da Bruce McLaren - la F.1 è arrivata dal GP di Montecarlo del 1966 - cade il prossimo 2 settembre ma intanto è stato creato un wellpaper celebrativo che riassume mezzo secolo di successi. Sul sito, la Mc Laren snocciola orgogliosamente quanto conseguito finora: 182 vittorie, 155 pole, 151 giri più veloci, due vittorie alla 500 Miglia di Indianapolis e perfino il crono del più veloce pit-stop della storia: 2",31' fatto segnare a Hockenheim quest'anno. Dovrà vedersela, come sempre, con la Ferrari che ha appena reso nota la denominazione della 59^ monoposto per la F.1 che verrà presentata venerdì 1 febbraio presso la tensostruttura allestita all’interno della sede di Maranello: si chiamerà F138. La sigla deriva dalla combinazione fra l’anno di attività e il numero di cilindri, anche per sottolineare la conclusione della carriera sportiva in Formula 1 della motorizzazione V8, giunta proprio quest’anno alla sua ottava ed ultima stagione agonistica (se ricordate, permettetemi, avevo previsto questa possibilità). Anche la Ferrari, alla vigilia, ha i suoi grandi numeri da esibire: è l'unica ad aver partecipato ad ogni campionato, ha vinto 15 titoli piloti e 16 Costruttori, 219 gran premi , 207 pole position e 228 giri più veloci in gara.  Non c'è che dire: è scontro tra titani.


martedì 29 gennaio 2013

QUANTI "CAVALLI" HA LA LOTUS!

(29/1/2013) - E dunque la Lotus ha "bruciato" tutti presentando ieri sera la nuova E21. Confermato anche, come febbrilmente anticipato ieri, l'ingaggio come terzo pilota del nostro Davide Valsecchi che ovviamente è molto contento dell'enorme occasione che ha tra le mani. Alla presentazione c'erano però anche il terzo pilota 2012, il belga Jerome D'Ambrosio, e l'altro pilota che vestirà la tuta nera della mitica scuderia inglese, il francese Nicolas Prost, figlio del ben noto Alain. Non conosciamo i termini esatti dell'accordo del pilota comasco ma certo la concorrenza interna non manca anche se bisogna dire che tutti i team dovranno dedicare ad un certo punto della stagione tempo e collaudatori alle nuove monoposto turbo che debutteranno nel 2014. Comunque, molto dipende da Romain Grosjean che, se non dimostrerà quest'anno di aver messo la testa a posto, potrebbe anche rischiare di essere scavalcato... Insomma, i cavalli di razza della Lotus sono tanti e scalpitano!


ROSBERG E ALESI SI "SCALDANO" IN PUGLIA!

Nico Rosberg a sorpresa in pista sul circuito La Conca di Muro Leccese!
(29/1/2013) - Avviso agli appassionati: da giovedì 31 gennaio a domenica 3 febbraio prossimi il Circuito Internazionale la Conca a Muro Leccese diventa il palcoscenico principe dove si esibiranno i kartisti migliori speranze dell’automobilismo. E’ in programma il primo appuntamento di stagione della WSK Master Series, nel calendario di eventi organizzati da WSK Promotion, con 200 iscritti. Molti hanno già “riscaldato” l’asfalto del circuito salentino durante le tre intense giornate di test collettivi fino al 26 gennaio. Tra questi, e non poteva esserci migliore spot per l’appuntamento del prossimo week end, udite udite: Nico Rosberg e Giuliano Alesi, il figlio tredicenne dell’ex ferrarista Jean, inserito del Driver Program della veronese Intrepid Karting. Il pilota AMG Mercedes GP ha guidato un kart che il team Chiesa Corse ha allestito in categoria KF e ha effettuato molto professionalmente anche un a seduta in palestra nella vicina Maglie! Nico, come tanti attuali campioni, ha gareggiato, giovanissimo, a Muro Leccese. Indovinate chi era allora suo compagno di squadra? L’attuale: Lewis Hamilton! “Abbiamo da allora percorso carriere spesso parallele, avviate proprio sfidandoci anche qui a La Conca. E’ bello, ora, ritrovare Lewis nel team Mercedes, nella prossima stagione in F.1”, ha detto Nico il quale, al di là dei convenevoli, è in realtà atteso da un’accesa contesa interna (intanto ha “regolato” un certo Schumacher). Baby Alesi è invece costantemente accompagnato da papà Jean, fresco ambasciatore Pirelli: “Insegno a mio figlio i segreti della guida, ma nella conoscenza del karting mi trovo anch’io in un contesto del tutto nuovo. Questo sport è notevolmente progredito a livello generale. Gli eventi WSK si mostrano poi particolarmente curati e professionali. Quest’anno sarò spesso presente sulle piste di kart, dividendomi tra gli impegni televisivi nel Mondiale F.1 e il ruolo di coach di mio figlio Giuliano nelle gare WSK.” A questo punto, tutti in pista: giovedì 31 gennaio prove libere; il giorno dopo prove cronometrate e Superpole per le categorie KF e KF Junior. Sabato seguiranno manche di qualifica e Finale 1 per 60 Mini e KZ2. Domenica 3 febbraio, infine, finali per tutte le categorie. Dopo Muro Leccese, il calendario WSK Master Series proseguirà sui circuiti di Sarno (SA), Precenicco (UD) e Castelletto di Branduzzo (PV), dove è prevista la conclusione a metà luglio.


Anche Giuliano Alesi, qui con papà Jean, ha provato in Puglia

lunedì 28 gennaio 2013

MASERATI, BORN IN GRUGLIASCO


(28/1/2013) - Certo, bisogna guardare avanti. Certo, bisogna adeguare gli impianti ai volumi. Però, viene un po’ il magone a pensare che, ufficialmente, dal 30 gennaio sul certificato anagrafico delle Maserati apparirà: “nata a Grugliasco”, alle porte di Torino, e non più nello storico stabilimento di Via Ciro Menotti a Modena. Mercoledì, alla presenza dello stato maggiore Fiat, si inaugurano infatti le Officine Maserati Grugliasco dove vedrà la luce in primis la Quattroporte, recente vedette al salone di Detroit, e poi sarà la volta della annunciata Ghibli, la cosiddetta “maseratina”. Segno dei tempi, indubbiamente, e d’altronde l’impianto ex Bertone, rilevato nel 2009 mentre versava in crisi nerissima, andava valorizzato. La scelta è stata questa e ora l’effigie del mitico Tridente già compare sulla facciata dello stabilimento torinese. A Modena si materializzerà invece l’emblema del Biscione Alfa? In Via Ciro Menotti, dove svetta la torre Maserati, è prevista infatti la produzione della 4C sulla quale si punta moltissimo per dare la scossa rivitalizzante al marchio milanese.  

VALSECCHI ALLA LOTUS, QUESTIONE DI ORE


(28/1/2013) Al momento non c’è ufficialità ma forse l’atteso annuncio è davvero sulla rampa di lancio. Il sito del quotidiano la Provincia di Como lo dà invece già per certo: Davide Valsecchi è il terzo pilota della Lotus. Il pilota di Erba, che ha appena compiuto 26 anni, campione in carica della GP2, dovrebbe dunque mettere piede in F.1 e fare compagnia ai titolari Raikkonen e Grosjean. Come si sa, il mondo dorato della massima formula è popolato da “squali” e quindi non resta che trattenere il fiato anche perché nulla si sa dell’attuale terzo pilota, il belga Jerome D’Ambrosio, e d’altronde il team di Enstone proprio stasera sarà il primo a togliere i veli al proprio 2013 e quindi solo allora scopriremo la verità. La nuova E21 sarà infatti presentata sul canale ufficiale di You Tube alle 20.15 italiane. L’evento sarà live anche su Sky Sports News HD in Gran Bretagna. Ricordiamo che Davide ha partecipato proprio sulla Lotus al rookie test di novembre ad Abu Dhabi durante il quale fece segnare il miglior tempo nel terzo giorno di prove davanti ai colleghi su Mc Laren e Red Bull.“Avere l'opportunità di testare con un Team di così alto prestigio – disse allora Valsecchi - mi ha riempito di orgoglio. La macchina era un fulmine ed io ho fatto un'ottima prestazione sfruttando al meglio un'occasione così importante, benissimo così. Ora, dopo essermi guadagnato la gloria con una stagione incredibile per risultati e rendimento, spero di poter  lottare l'anno prossimo nel campionato in cui ho sempre sognato di gareggiare: la Formula 1.” Poche ore ancora e lo saprà. Noi glielo auguriamo con tutte le forze. 

venerdì 25 gennaio 2013

MONTEZEMOLO DIXIT A BARI

Montezemolo all'arrivo a Bari
(25/1/2013) Luca Cordero di Montezemolo non avrebbe motivo di scendere al Sud nell'ambito della sua veste di Presidente della Ferrari corse (e infatti mai s'era visto). Da promotore e "sponsor" della lista Scelta Civica di Mario Monti, invece, oggi è stato a Bari per inaugurare il nuovo Comitato Elettorale del centro cittadino in vista delle prossime elezioni politiche.  "Anche la Ferrari vuole vincere, basta perdere all'ultimo minuto dell'ultima gara!", ha esordito. Quale occasione più ghiotta per provare a chiedergli le ultimissime da Maranello? E' quanto ho provato a fare ed ecco il risultato (di più nin so'):

Presidente, l'1 febbraio viene presentata la nuova Ferrari. L'anno scorso anticipò che era bruttina ma che sperava fosse subito vincente. Quest'anno cosa può dire?

Dovrei dire che è ancora più brutta ma vincente! No, stiamo lavorando moltissimo giorno e notte quindi speriamo bene ma finché non va in pista non si può dire niente

Qual è il minimo sindacale che chiede a Felipe Massa per il 2013?

Io gli chiedo di vincere il mondiale!

Qual è la valutazione della Ferrari sul possibile ingresso di un'altra Casa produttrice di pneumatici nel 2014, oltre la Pirelli?

Con Pirelli andiamo bene. Hanno fatto un grande lavoro quindi siamo molto soddisfatti, e come italiano lo sono doppiamente perché è un bellissimo marchio tecnologico italiano che va in giro per il mondo.


Montezemolo a passeggio per le vie del centro di Bari



                                   
                                                                             






SCATTA LA 24 ORE DI DAYTONA CON BARRICHELLO, FISICHELLA E MONTOYA!


(25/1/2013) Ci sono appuntamenti motoristici che manterranno sempre intatto il loro fascino. La 24 Ore di Daytona – start domani – è uno di quelli. Sarà anche per la collocazione di gennaio nel calendario internazionale, ma la gara inaugurale della Grand Am attira sempre una schiera di piloti vogliosi di ricominciare a pigiare l’acceleratore e di inserire il loro nome nell’Albo d’Oro della classica americana. Quest’anno il parterre è di prim’ordine, con 16 piloti che hanno frequentato la F.1 e altri “mostri sacri” del motorismo e delle gare di durata. Segnalo, tra i tanti iscritti, la presenza di Rubens Barrichello, ormai votato alle vetture coperte, di Giancarlo Fisichella, Juan Pablo Montoya (già molto in palla nei giri di prova), Allan Mc Nish, Sebastian Bourdais, i brasiliani Nelson Piquet Jr. e Bruno Junqueira. Poi dalla GP2 Felipe Nasr e infine, ma non per ultimi, Frank Biela, Stephane Sarrazin, Jan Magnussen. Insomma, un lotto di contendenti davvero degno di questa autentica leggenda del motorsport, giunta alla 51^ edizione. 


giovedì 24 gennaio 2013

BERTOLINI FA 40: "VOGLIO VINCERE LA 24 ORE DI LE MANS"


Un colloquio con Andrea Bertolini all’alba di una nuova stagione agonistica è quanto di meglio si possa avere prima dell’accensione ufficiale dei motori. Quattro volte campione del mondo Fia GT e nel 2011 campione della Supertars, Andrea è il pilota che ha riportato in pista e alla vittoria la Maserati (l’anno prossimo è il decennale!). Ma non è solo questo: è un pilota nato, oltre che persona amabilissima. Guiderebbe una vettura (o più vetture!) per ore e guai a togliergli l’adrenalina della competizione.  Poi la dedizione assoluta alla Ferrari e alla Maserati. A breve saprà su quale palcoscenico si esibirà quest’anno: America, Asia? Lui è pronto. Nel 2012 ha corso nel Mondiale Endurance (WEC), vincendo con Olivier Beretta e Marco Cioci la mitica 12 Ore di Sebring, e nella Pro Am della Blancpain Endurance Series “Alla AF Corse mi sono trovato benissimo, come una seconda famiglia, un ambiente ideale. La macchina era per me nuova e ho dovuto scoprirla  progressivamente. E’ stata quindi forzatamente una stagione di apprendistato ma sono soddisfatto”. Con un solo cruccio che ancora non svanisce: qualche problema di troppo alla 24 Ore di Le Mans e, quanto meno, la perdita del secondo gradino del podio che avrebbe consentito di centrare una formidabile doppietta con la Ferrari vincitrice di Fisichella-Bruni-Vilander. Gli chiedo allora quale regalo vorrebbe farsi nell’anno del 40° compleanno: “Portare a casa la vittoria alla 24 Ore di Le Mans, è l’obiettivo primario”! Un vecchio sogno che si avvererà, dico io. Intanto Andrea è impegnatissimo al simulatore per sfornare dati utili alla Ferrari che sarà svelata l’1 febbraio. Ma nella sua brillante carriera, non gli pesa proprio la mancanza della Formula 1? “Fino a qualche anno fa l’idea mi solleticava, ma ora sono felice così. Sono quello in assoluto che guida di più tutte le Ferrari e per questo mi ritengo fortunato. Il mio obiettivo è fare il migliore lavoro possibile per dare un contributo”. 

PROSEGUI PER VEDERE LA STORICA GALLERY DI ANDREA

AIROH MANTOVA STARCROSS, SPETTACOLO MONDIALE



Per gli amanti del cross ecco un appuntamento altamente consigliabile: si correrà sabato 26 e domenica 27 gennaio il 30°Airoh Mantova Starcross, una delle corse motociclistiche più antiche e radicate in Europa che anche quest’anno aprirà la nuova stagione di gare ufficiali con due settimane di anticipo rispetto al classico calendario, in virtù della partenza anticipata della stagione che vedrà il motocross impegnato in una doppia trasferta intercontinentale in Qatar e Tailandia. Sono 64 i piloti internazionali dei Campionati del mondo MX1 ed MX2 in rappresentanza di 18 Nazioni e 7 Case motociclistiche ammesse alla gara. I team sono Rockstar Energy Suzuki, Kawasaki Racing KRT, Yamaha MotocrossHonda World Motocross, LS Honda, TM Factory, KTM Racing. Tra gli iscritti due importantissimi e graditi ritorni, il numero due del mondo Clement Desalle dal Belgio e il francese terzo classificato del mondiale MX1 2012 Gautier Paulin. Confermata la classica formula che prevede le prove nel mattino del sabato, gare di qualifica MX1 ed MX2 il pomeriggio e spettacolare Motocross Superpole riservata ai big. La domenica dopo il warm up, l’Airoh Cup uno contro uno e le tre manches finali che decreteranno il nuovo nome che entrerà a far parte del pantheon dei vincitori di Airoh Starcross. Attesi ospiti e amici dello Starcross come i piloti Ducati MotoGP Andrea Dovizioso e Andrea Iannone, Marco Melandri, Max Pezzali, DJ Ringo, lo stilista dei 9.2 Carlo Chionna, la soubrette Maddalena Corvaglia e il produttore Rocco Siffredi. 
PREZZI sabato 26 gennaio: € 15,00 con pass per accesso al paddock domenica 27 gennaio: € 25,00 - ragazzi fino a 12 anni € 5,00 AREA CAMPER: venerdì e sabato aperto dalle 9:00 alle 23:00- domenica dalle 7:00 alle 23:00. 

mercoledì 23 gennaio 2013

DIECI ANNI SENZA L'AVV.


Domani è il decennale della scomparsa dell’Avvocato. Gianni Agnelli mancò il 24 gennaio del 2003. Due settimane dopo a Maranello venne presentata la monoposto chiamata a confermare lo straordinario trend che dal 2000 aveva riportato gli uomini del Cavallino davanti a tutti, dopo 19 anni di astinenza. La 49^ monoposto costruita dalla Ferrari per partecipare al Campionato del Mondo di Formula 1, ultima con il motore V10, venne denominata F2003  GA, con le iniziali che ricordavano il nome dell’illustre scomparso, gran capo della Fiat. Quella Fiat che, nel giugno 1969, acquisì il 50% della Ferrari assicurando, come desiderava il Drake, reduce dal clamoroso mancato accordo con la Ford, quell’indispensabile supporto industriale ed economico propedeutico alla sopravvivenza e allo sviluppo della Casa di Maranello. Nel contempo, il Grande Vecchio ottenne completa libertà d’azione nella gestione dell’attività sportiva. Accordo mai messo in discussione dall’Avvocato, rispettosamente sempre un passo indietro. Di lui ricordo le tradizionali visite glamour – ma si informava molto bene della situazione tecnica e gestionale – a Montecarlo o alle prove estive a Monza. Avallò in pieno la messa a contratto di Schumacher anche se chiosò “non ci è costato un tozzo di pane. Era appassionato e sportivo. Voleva vincere. Per la cronaca, la F2003 che resterà nella storia anche per quelle iniziali, dieci anni fa vinse il mondiale: fu il sesto titolo per Schumacher, che battè così il record di Fangio e il quinto titolo Costruttori consecutivo della ritrovatissima Ferrari. Come commenterebbe oggi il digiuno ormai quinquennale?


martedì 22 gennaio 2013

UNA PISTA DA F.1 ALL’OMBRA DEL GRAN SASSO (E L’AUTODROMO DEL LEVANTE STARA’ A GUARDARE?)



In Abruzzo stanno facendo sul serio: è in fase di realizzazione l’Autodromo del Gran Sasso, in contrada S Mauro di Montorio, nel comune di Montorio al Vomano, in provincia di Teramo. Omologabile per gare titolate mondiali. Una pista, disegnata dall’ing. Adamo Leonzio, di oltre 4 km caratterizzata da 13 curve, saliscendi da brivido e un rettilineo di tutto rispetto. Il progetto, che risale ad almeno otto anni fa, è opera di un gruppo di imprenditori locali. Un investimento da circa 30 milioni e lavori che starebbero per iniziare: a fine anno tutto dovrebbe essere pronto. L’Autodromo è gia su Facebook ed ha l’appellativo di “adrenaline circuit”. Non mancano le voci contrarie, ma il Comune appoggia l’iniziativa e procederà con la variante al piano regolatore.   L’Abruzzo è terra di tradizione motoristica: la Coppa Acerbo, il Gran Premio di F.1 a Pescara, Trulli, Liuzzi (pugliese di origine, pescarese di adozione), Tarquini, il kartodromo internazionale di Val Vibrata, sempre in provincia di Teramo, e, dal 2010, il Circuito Internazionale d’Abruzzo attivo in contrada Villa Torre di Ortona, in provincia di Chieti. E ora un impianto del genere, all’ombra del Gran Sasso come quello giapponese all’ombra del sacro Fuji, mira a richiamare pubblico e gare anche da regioni limitrofe a secco di circuiti o di competizioni di livello. Detto questo, da pugliese non posso esimermi dal chiedere: e l’Autodromo del Levante di Binetto, con il suo rachitico chilometro e mezzo di asfalto, starà a guardare? Polvere di stelle e niente di più? (come dimenticare le prodezze lì dei vari Nannini, Fisichella, Jacques Villeneuve, Giovanardi, Pirro e tanti altri, vent’anni fa). E la capacità imprenditoriale della California d’Italia? E’ veramente possibile che da noi non si debba vantare un autodromo nazionale? 

lunedì 21 gennaio 2013

ALONSO SCATENATO A MADONNA DI CAMPIGLIO, BUON SEGNO!


 Se il buon giorno si vede dal mattino, direi che il buon Fernando Alonso, dopo l’opportuno periodo di riposo (è andato anche a ibernarsi nella Russia sottozero della sua bella compagna), è riapparso ben tonico allo Ski Press Meeting di Madonna di Campiglio concluso nel fine settimana. Per la cronaca, è stato lui a vincere, anzi a stravincere, la classica gara di fine manifestazione sui kart sul laghetto ghiacciato. L’asturiano si è confrontato con i colleghi di quattro e due ruote (Ducati) Felipe Massa, Andrea Dovizioso, Nicky Hayden, Giancarlo Fisichella, Marc Genè, Luca Badoer, Andrea Iannone e “Dudu” Massa, fratello di Felipe. Ebbene, Fernando si è imposto in entrambe le manche: dopo una feroce rimonta nella prima (era finito indietro per un testa-coda) e dopo una rapidissima risalita nella seconda, che prevedeva griglia con posizioni invertite rispetto al primo arrivo. Nella classifica combinata, sempre per la cronaca, ha preceduto Fisichella e Massa. Fernando, prima dell’inevitabile stress stagionale, non si è trattenuto: nella foto lo vedete come forse mai più. Allo Chalet Fiat , insieme a Nicky Hayden, coadiuvati da Brasil, uno degli amici giunti da San Paolo in compagnia di Felipe Massa, si è esibito in uno spettacolo di intrattenimento con tanto di ali piumate ed effetti speciali!!

F.1/ PIRELLI RIMESCOLA GOMME E CAMPIONATO


La Ferrari svelerà l’1 febbraio la nuova monoposto (sarà anticipata dalla Mc Laren di un giorno). Come noto, il presidente Montezemolo ha chiesto una Rossa subito competitiva e soluzioni innovative, “creative”, per battere senza indugi la concorrenza.  Almeno per quest’altro anno, prima dell’avvento dei motori turbo, è chiaro a tutti che sarà l’aerodinamica a decidere le sorti del campionato. Alla galleria del vento di Colonia si lavora a pieno ritmo e, non a caso, a Maranello non hanno lesinato quanto ad acquisti di tecnici d’esperienza nel settore provenienti da team inglesi. Ok, bisogna tentarle tutte. Ma c’è un ma… Dopodomani, 23 gennaio, la Pirelli presenterà nel suo Centro Ricerche a Milano i programmi sportivi 2013 ed è già stato annunciato un cambiamento. “Una sorpresa o due”, ha anzi detto Paul Hembery responsabile Pirelli Motorsport. In sostanza, verranno…rimescolate le gomme per garantire più pit-stop e quindi maggiore spettacolo. I team, al terzo anno di utilizzo delle coperture milanesi, hanno ormai acquisito esperienza e riescono a gestire bene il degrado. Pirelli allora rilancia: “Vorremmo tornare ad essere più aggressivi sulle mescole”, anticipa Maurizio Boiocchi, responsabile della ricerca e sviluppo. La domanda è: quanto questa novità potrà inficiare l’enorme lavorìo aerodinamico effettuato dalla Ferrari? Solo i primi test potranno dirlo (5-8 febbraio a Jerez). Certo, fin da ora appare chiaro che anche il muretto, Pat Fry in testa, sarà chiamato a un esame da tremarella: le strategie conteranno moltissimo, al pari della fluidità delle forme della nuova nata a Maranello

giovedì 17 gennaio 2013

MASSA: "SO DI POTER VINCERE"

Mattinata intensa per i due piloti del cavallino impegnati nel faccia a faccia con la stampa al Press Meeting di Madonna di Campiglio. Ho estrapolato dichiarazioni e buoni propositi. Ecco cosa pensa e spera Felipe Massa, forse alla sua stagione più difficile (in scadenza di contratto).


IL SUO 2012“Quello che ho fatto nella seconda metà dello scorso anno lo considero un allenamento per quest’anno, voglio al 100% essere competitivo! Per me è stato fondamentale cambiare approccio, non tanto capire meglio la vettura piuttosto che i pneumatici ma capire meglio me stesso, credendo nelle mie capacità anche quando tante persone le davano per perse. Scendevo in pista cercando di ritrovare serenità e soprattutto cercando di divertirmi e questo mi ha molto aiutato a ritrovare fiducia in me stesso. Oggi, sento ancora il fuoco dentro e so di poter vincere e competere ai livelli più alti come ho già fatto nella mia carriera.”

IL 2013In Australia partiamo di nuovo da zero, dipenderà tutto dalle mie capacità e dallo svolgimento del campionato: spero di partire nel miglior modo possibile, il mio obiettivo è sempre stato quello di portare la bandiera brasiliana sul gradino più alto del podio. Sono l’unico brasiliano in Formula 1 quest’anno e ad Interlagos mi sono emozionato sul podio mentre sentivo i tifosi che gridavano il mio nome: questo è un segnale di affetto e vicinanza del mio paese che per me resta fondamentale

LA CONVIVENZA CON ALONSO “Non immagino una squadra che non voglia due piloti competitivi. Lottiamo per due titoli e sono certo che la squadra mi aiuterebbe se fossi nelle stesse condizioni che hanno visto Fernando protagonista negli scorsi anni. Mi ricordo quando Kimi era il mio compagno di squadra e di come ci aiutammo a vicenda da una stagione all’altra. Con Fernando è uguale, è un lavoro di squadra e la nostra sintonia ci aiuta come in qualsiasi posto di lavoro

ALONSO: "SCARICHI ANCORA DECISIVI"

La stagione si annuncia lunga e snervante (Ferrari a secco dal 2007, Vettel con una Red Bull stellare). Lo spagnolo è chiamato agli straordinari. Leggete le dichiarazioni di Fernando Alonso.

STAGIONE 2013“Da un punto di vista tecnico credo che la chiave quest’anno sarà ancora una volta lo sfruttamento degli scarichi. E’ vero che non sono così importanti come lo erano stati due anni fa ma abbiamo visto lo scorso anno che avevano ancora un ruolo significativo e che tutti ci hanno lavorato intensamente. Le gomme non sono altrettanto decisive, a meno di avere un problema particolare, come ad esempio avevamo noi con le mescole più dure nel 2011: sono le stesse per tutte le squadre e, se stai nella media, non faranno la differenza, né nel bene né nel male.”
“Sono fiducioso di poter iniziare il campionato con una macchina migliore rispetto a quella che avevamo nei primi mesi dello scorso anno. Fu proprio nelle prime gare che perdemmo dei punti decisivi, quando avevamo una macchina che ci faceva finire settimi come in Cina o noni come in Bahrain. Il fatto di lavorare su una sola galleria del vento, quella Toyota a Colonia, potrà essere un piccolo vantaggio.”

L'ARRIVO DI DE LA ROSA“Quando ci sono degli innesti da squadre di alto livello è sempre importante. Pedro lavorerà principalmente sul simulatore, un’area su cui non eravamo all’altezza dei migliori e la sua esperienza sarà utile. Detto questo, non è che un pilota nuovo possa cambiare le cose o lo possa fare al simulatore: ci sono e ci saranno ancora degli arrivi più significativi che possono far crescere la squadra.”

LE CONSIDERAZIONI DI MARKO“Non penso di essere bravo nella politica, io guido macchine. Certe dichiarazioni recenti mi hanno sorpreso ma non riesco a vederne il senso. Una volta dicono che loro non leggono, non sentono e non vedono, poi aggiungono che non si fanno influenzare: allora si vede che, invece, leggevano, magari la notte…"

HAMILTON E VETTEL“Perché dico che Hamilton è il più forte? Perché è quello che penso, è una mia opinione personale e non c’è nulla di politico in questo. Lewis ha sempre vinto delle gare da quando è in Formula 1, anche in anni come il 2009, quando aveva iniziato la stagione con una vettura due secondi più lenta dei migliori. Quando si guarda cosa succede in pista si tiene ben presente quello che fa lui, è un fatto. Rosberg l’anno scorso ha vinto in Cina quindi mi aspetto che quest’anno Lewis in Mercedes possa vincere più di una gara. Non ho detto che Vettel non sia il più forte o non abbia meritato questi tre titoli. Ci sono stati delle fasi, come nel 2011, quando ha avuto un livello di prestazione fantastico ed è stato sicuramente il migliore di tutti. Oggi come oggi è impossibile dire chi saranno gli avversari più forti nel 2013. Chi avrà la miglior macchina, chi avrà fatto la miglior preparazione e il migliore sviluppo, chi avrà avuto più fortuna: da tanti fattori dipende il fatto di essere il pilota e la squadra più forti.”

FELIPE MASSA: “Ho sempre detto che Felipe era uno dei piloti migliori in circolazione e mi ricordo bene che qualcuno sorrideva quando dicevo queste cose l’anno scorso. Io e lui ci siamo sempre aiutati, giorno per giorno, e mi aspetto di averlo sempre molto vicino a me in termini di prestazione: quello che non era normale era la differenza fra noi che c’è stata negli ultimi due anni ma ora non penso che sarà più così. Ciò sarà molto positivo, per me e soprattutto per la squadra.”
 



mercoledì 16 gennaio 2013

LOEB ALLA 24 ORE DI LE MANS, PENSIERO STUPENDO


In questo momento Sebastian Loeb, il Cannibale dei rally, sta correndo il Montecarlo. Ma la sua testa forse è a Le Mans. Chi lo fa capire? Dominique Heintz, il team manager del Sébastien Loeb Racing, il team alsaziano del campionissimo che ha inviato quest’anno per la prima volta la richiesta di partecipazione alla 24 Ore di Le Mans (intanto ha iscritto una sua Oreca 03 alla LMS). “Disputare la 24 Ore è un obiettivo importante e far parte di questo mito sarebbe un sogno che diventa realtà. Tutto questo passa logicamente attraverso la presenza ad una serie Le Mans e noi abbiamo optato per l’European Le Mans Series, una piattaforma interessante che permette alle LM P2 di competere per la classifica generale”. I dettagli dell’operazione sono in via di definizione. “Stiamo cercando partners. Siamo ambiziosi e vogliamo fare le cose per vincere. Per questo dobbiamo attorniarci dei migliori. Essere in pista alla 24 Ore di Le Mans con un 9 volte campione del Mondo Rally sarebbe unico. L’idea è terribilmente eccitante”. Non posso dargli torto.

L'1 FEBBRAIO SVELATA LA NUOVA ROSSA (E ARRIVA PEDRO DE LA ROSA!)


Come previsto, arrivano da Madonna di Campiglio, nell’ambito di “Wroom”, il Press Ski Meeting, gli annunci che avviano ufficialmente la stagione 2013 della Ferrari. Dopo l’avvicendamento (dal 1 febbraio) nel ruolo di responsabile della comunicazione Attività Sportive tra Renato Bisignani e Luca Colajanni che diventa responsabile della comunicazione Prodotto e Corporate per Europa e Medio Oriente, questa mattina il team principal Stefano Domenicali ha “sparato” altre due cartucce. La nuova Rossa sarà presentata venerdì 1 febbraio a Maranello (2 giorni prima della Red Bull) e Pedro De La Rosa, l’anno scorso in forza alla HRT, sarà da quest’anno a disposizione della Scuderiaper le attività tecniche, sportive e commerciali”.  “Abbiamo scelto di avere De La Rosa nel novero dei nostri piloti per rafforzare principalmente un’area, quella del lavoro al simulatore, che con l’attuale situazione regolamentare riguardo ai test diventa sempre più importante” – ha detto Domenicali – “Pedro si aggiunge quindi ad un gruppo di piloti che già comprende Davide Rigon, Marc Gené, Andrea Bertolini e Jules Bianchi. Per quanto riguarda quest’ultimo, che fa parte anche della FDA, stiamo cercando di trovargli una collocazione in Formula 1: quando avremo novità ve lo faremo sapere". Parte ora il toto-nome della nuova monoposto. Sarà F2013? Farà riferimento all’ultimo anno dei motori V8 aspirati? Al fondatore Enzo Ferrari (visto che arriva la formidabile Enzo stradale)? O sarà una Scelta Civica…?




martedì 15 gennaio 2013

SIC, CI SI VEDE IL 19 GENNAIO A RIMINI


Un anno fa erano quasi 6000 il 20 gennaio a Rimini, a ricordare Marco Simoncelli, che quel giorno avrebbe compiuto 25 anni. Un'iniziativa che la famiglia e gli amici di Marco hanno deciso di ripetere. Sabato 19 gennaio l'appuntamento è di nuovo al 105 Stadium, insieme ai comici e ai cantanti che hanno voluto bene al SIC per uno spettacolo con la regia e la conduzione di Sergio Sgrilli, eclettico artista toscano da sempre vicino a Marco.  Il prezzo dei biglietti è 23 euro per il parterre numerato, 19,50 per la tribuna numerata, 17 euro per la gradinata non numerata. Prevendite on line su www.ticketone.it. Il ricavato della serata sarà destinato alla realizzazione del primo progetto italiano della Fondazione Marco Simoncelli, la costruzione di un centro d'accoglienza diurno per disabili a S.Andrea in Besanigo (RN). La Fondazione Marco Simoncelli nasce con la volontà di scendere in pista a favore dei soggetti più deboli sostenendo progetti umanitari e collaborando attivamente con iniziative di Enti ed Istituzioni pubbliche e private in ricordo di Sic, simbolo concreto dei valori morali di cui Marco è stato ambasciatore autentico e sincero. Obiettivo della Fondazione, promuovere l’impegno dello sport a favore del sociale nell’ottica di contribuire attivamente alla realizzazione di progetti umanitari. Attraverso la sua attività a scopo di beneficenza la famiglia del pilota intende oggi esprimere la propria solidarietà a sostegno dei più svantaggiati, in particolare bambini e giovani, così come già Marco in prima persona. 

NUOVA MASERATI QUATTROPORTE, PIU' TUTTO


La nuova Maserati Quattroporte ha debuttato ieri al North American International Auto Show 2013 di Detroit, svelata dal Ceo Harald Wester (foto). Per la storica casa modenese (l’anno prossimo il Centenario) è il fastoso prologo all’annunciato piano di crescita industriale strategico che prevede un incremento annuale sul mercato globale pari a 50.000 unità entro il 2015.  L’ ammiraglia della gamma, è più grande, più leggera, più lussuosa e più funzionale dell'auto che va a sostituire. Inoltre, con i suoi 307 km/h di velocità massima, può anche competere con la maggior parte delle supercar a due porte. La V8 twin turbo non è soltanto la Maserati a quattro porte più veloce mai costruita ma è anche quella più potente e che vanta i consumi più contenuti. La famiglia di motori a iniezione diretta si compone di un V8 da 3,8 litri e di un V6 da 3,0 litri. Questi due nuovissimi propulsori sono dotati di sovralimentazione twin turbo e sono stati progettati da Maserati Powertrain e assemblati dalla Ferrari a Maranello. Il motore V8 da 3,8 litri definisce i nuovi standard prestazionali di Maserati raggiungendo i 100 km/h in appena 4,7 secondi e una velocità massima di 307 km/h. Rispetto alla Quattroporte Sport GT S è più veloce di 20 km/h e vanta una coppia più alta di 200 Nm. Con i suoi 285 km/h, anche le prestazioni del V6 Twin turbo sono di tutto rispetto.  Grazie ad un cambio automatico a otto rapporti e alla trazione posteriore o integrale, è anche l'auto che garantisce, nell’intera storia di Maserati, le prestazioni più sicure in tutte le condizioni meteo. Queste brillanti prestazioni della Maserati Quattroporte V8 sono affiancate da una riduzione nei consumi e nelle emissioni del 20 percento rispetto alla precedente Quattroporte. In corrispondenza del lancio della nuova Quattroporte al Salone di Detroit, Maserati rinnova anche la propria identità sul web presentando il nuovo sito istituzionale Maserati.com. 

MELANDRI NON FA PIU' IL CHECK UP

Le previste condizioni meteo avverse un pò su tutta Italia hanno indotto lo staff di Marco Melandri a rinviare a data da destinarsi l'annunciato test all'Autodromo del Levante di Binetto (BA) in programma domani 16 gennaio, come avevo anticipato lo scorso 12 gennaio. Il centauro di Ravenna, alfiere della Bmw Motorrad GoldBet e protagonista negli ultimi due anni del campionato Superbike, avrebbe voluto scendere in pista nel primo giorno utile dopo la moratoria regolamentare dei test, anche per saggiare le condizioni della sua spalla, uscita malconcia dopo la caduta a Portimao, ma Giove Pluvio ha detto no. Peccato per lui e per gli appassionati che, da queste parti, non hanno molte occasioni per vedere da vicino un campione del motorismo e per fargli sentire il loro calore. 

lunedì 14 gennaio 2013

WRC, CITROEN ALLA SCOPERTA DEL(LA) POLO

Da domani si fa sul serio: parte l' 82° Rally di Montecarlo (fino al 20/1), prima prova del Mondiale. Per la Vollkswagen è un momento importante: scende finalmente in lizza la Polo RS con gli equipaggi Ogier-Ingrassia e Latvala-Anttila. La sfida, manco a dirlo, è rivolta ai dominatori Citroen che schierano Re Loeb, quest'anno a impiego ridotto ma alla ricerca forsennata della settima vittoria (10 anni dopo la prima), Hirvonen e Sordo. Un'altra novità riguarda l'occhio: dovremo anche abituarci alle nuove livree. La casa francese, quest'anno, abbandona i fortunati colori Red Bull per passare a quelli del team ora denominato Citroen Total Abu Dhabi WRT. Sostanzialmente bianca la Polo. E se tra i due litiganti godesse il terzo? agguerrito anche il plotone di Ford RS - Qatar M-Sport WRT - con Ostberg, Novikov, Hanninen e Neuville. Infine, una chicca: chi l'ha detto che l'Alfa Romeo non partecipa alle corse? Beh, tra gli scritti, a tenere alto il blasone del Biscione, c'è l'equipaggio Rada-Jugas con una 147 TS 2.0! Nel 2012 si classificarono al 42° posto assoluto e primi di Gruppo N classe 2000. Buona fortuna a loro!

NINO FAMA', DALLE PISTE AGLI ELICOTTERI


Nino Famà, ve lo ricordate? Nato sui Sidercarcross (3 volte campione italiano) è stato poi campione italiano di F. Fiat Abarth (1983) e campione italiano di F.2000 (1991 e 1994). Fino al 2008 ha partecipato a vari Campionati Italiani e Europei, poi anche come team manager della sua squadra che ha sede in Emilia, a Solignano di Castelvetro, vincendo sei campionati, tra i quali la Superformula (1997). Indimenticabile e fortunatissima l’esperienza nell’Open Fortuna by Nissan (2 volte vice-campione 1998-1999)  L’ultima esperienza nei campionati basati sulla Lola F.3000 (ha lanciato l’italo-olandese Nicky Pastorelli). All’improvviso, la decisione di lasciare le corse, stanco di avere a che fare con sponsor e piloti sempre più difficili a fronte di costi in crescita esponenziale, e dedicarsi anima e corpo agli amati elicotteri! Sì, nel 2009 ha varato la Famà Helicopters e progettato e realizzato (quasi interamente nel suo stabilimento) il modello Kiss 209M. Un progetto nato da lontano: quello del volo, insieme ai motori, è la grande passione di Nino, sviluppata grazie ad anni e anni di esperienza nell’aerodinamica e nella costruzione di componenti meccanici di alta tecnologia. Il suo elicottero è un ultraleggero con carrello retrattile e motore turbina, ampio vano portabagagli, autonomia di 3 ore più un ulteriore ora installando il serbatoio supplementare, velocità 185 Km/h. Tutto in fibra di carbonio con componenti principali meccanici monitorati elettronicamente. Tali caratteristiche, unite ad un prezzo competitivo, stanno fornendo buone soddisfazioni all’ex mattatore delle piste. Ah, perché progetto Kiss? Sta per  “Keep Is Stupidly Simple(questo è stupidamente semplice).


sabato 12 gennaio 2013

MELANDRI FA IL CHECK UP IL 16 GENNAIO ALL'AUTODROMO DEL LEVANTE


Il 2013 di Marco Meandri comincia dalla Puglia. Il ravvenate, centauro ufficiale del Team BMW Motorrad Motorsport in Superbike, effettuerà infatti la sua prima “sgambata” dell’anno il 16 gennaio all’Autodromo del Levante di Binetto (Bari). Prima di affrontare i ravvicinati test collettivi di Jerez – la stagione SBK anticipa tutti, partenza il 24 febbraio a Phillip Island, Australia - occorre verificare con calma le condizioni del malleolo sinistro e delle costole, usciti un po’ acciaccati in finale di stagione. Una stagione che lo ha visto giocarsi il titolo contro Max Biaggi e Tom Sykes fino all’ultima gara e classificarsi terzo nonostante sei vittorie ma con qualche caduta di troppo. La novità, quest’anno, è il passaggio alla gestione italiana del BMW Motorrad GoldBet SBK Team. Melandri è al terzo anno in Superbike dopo l’esordio 2011 in sella alla Yamaha (subito secondo) e, con il ritiro del Corsaro Biaggi, l’obiettivo è più che mai uno solo: vincere!

venerdì 11 gennaio 2013

BUON 2014 A TUTTI

La Delta Wing sarà ammessa nella classe DP della nuova serie derivante dalla fusione tra Grand Am-ALMS

Buon 2014 a tutti! L’augurio sorge spontaneo scorrendo le notizie che affluiscono in questi primi giorni del 2013. Tutto deve ancora cominciare, a parte la Dakar e, oggi, la 24 Ore di Dubai, ma il mondo dei motori sembra decisamente già proiettato verso la prossima stagione! Qualche esempio? In primis la stessa Formula 1 che nel 2014  rivoluzionerà le proprie monoposto con l’adozione dei  motori turbo. Stefano Domenicali ha affermato che – e vale per tutti i team - inevitabilmente, già a metà stagione, occorrerà dedicarsi con forza allo sviluppo dei nuovi progetti (per non parlare in casa Ferrari della realizzazione della nuova galleria del vento).
Sono state appena annunciate, poi, le Classi della nuova categoria che debutterà con la 24 Ore di Daytona del 2014, derivante dalla fusione tra Gran Am e American Le Mans Series.
E’ inoltre arrivata la prima iscrizione – è quella della Dryson Racing – alla attesissima prima stagione della Formula E, il campionato green gestito da Alejandro Agag  riservato alle monoposto a trazione elettrica (Roma tra i circuiti cittadini previsti).
Trapelano, infine, le prime indiscrezioni sul prossimo Mondiale Turismo, che Marcello Lotti ha annunciato riserverà novità con vetture più potenti e con altre innovazioni tecniche, e sul programma WRC nel quale farà il suo ingresso la Hyundai con la i20: Michel Nandan è stato nominato responsabile del programma.

giovedì 10 gennaio 2013

DOTT. ROSSI, CONSULENTE GLOBALE BRIDGESTONE

Valentino Rossi, nove volte campione del mondo della classe MotoGP, conferma l’accordo con Bridgestone Europe come consulente per lo sviluppo dei pneumatici stradali moto.
Come nel precedente accordo, Valentino e Bridgestone  lavoreranno insieme per promuovere la passione e l’entusiasmo per le due ruote ai motociclisti di tutta Europa, concretizzando il concetto Bridgestone “dalla pista alla strada”.
La collaborazione riguarda Rossi in qualità di pilota professionista, mentre il suo team MotoGP e gli altri sponsor non sono coinvolti nell’iniziativa.
 “Ho lavorato con Bridgestone in MotoGP per molti anni e sono sempre stato colpito dalla loro professionalità e dalla qualità dei loro prodotti –ha detto Valentino Rossi. Rinnovare questo accordo mi dà una interessante opportunità di contribuire allo sviluppo di nuovi pneumatici stradali moto Bridgestone.”
Nel suo ruolo, Valentino fornirà le sue valutazioni e le sue impressioni sulle performance dei pneumatici Bridgestone moto, in particolare per i prodotti hyper-sport, racing e sport touring. Bridgestone sfrutterà gli input del pilota per sviluppare pneumatici per uso stradale in grado di garantire massimi livelli di performance e di sicurezza. (comunicato stampa)

mercoledì 9 gennaio 2013

RIO RACE FOR INDONESIA (E PER LA F.1)


L’Indonesia è un grande Paese in fortissima espansione. E punta anche sui motori. Il nostro Antonio Giovinazzi è ottimamente supportato da capitali indonesiani e l’anno prossimo debutterà in F.3 British insieme al pilota Sean Gelael. Un altro pilota indonesiano che quest’anno tenta il salto di qualità in GP2 è Rio Haryanto, 20 anni il prossimo 22 gennaio, che ha firmato per il team spagnolo Addax di Alejandro Agag. Sarà la sua seconda stagione in GP2 dopo il 14° posto con Carlin l’anno scorso e le esperienze 2011 in GP3 e Auto GP. La sua carriera è costellata di successi: è stato campione di Asia nel karting e nella F. Asia 2.0 con cinque vittorie; campione della F. BMW Pacific con 10 vittorie. Poi due stagioni in GP3 e due vittorie nel 2011. L’anno scorso in GP2 ha fatto “notizia” il giro più veloce su un circuito difficile come Spa. E’ stato il primo pilota indonesiano a provare una F.1 nei rookie test di Abu Dhabi (nel 2010 con la Virgin) e poi la Marussia F.1 a Silverstone nel 2012 insieme a Max Chilton. Sono contento di essere alla Addax  - dice Rio -  un team che ha un’ottima storia in GP2 con molti loro piloti arrivati in F.1 Sarà il mio secondo anno in GP2 e grazie all’esperienza accumulata sono fiducioso in un 2013 di successo. Vorrei ringraziare i miei sponsors: Pertamina, Garuda Indonesia, Telcomsel  and Kiky per il loro continuo supporto.” (Citiamo i suoi sponsors per far capire quanto conta il sostegno e quanto può essere vantaggioso) Agag punta su di lui: “Nutriamo fiducia incondizionata in lui per arrivare di nuovo al livello che abbiamo dimostrato in passato. Rio ha sia a motivazione sia l’esperienza necessaria e ancor più il desiderio di migliorare e trionfare che si adattano  perfettamente alla nostra filosofia. Vorrei assicurarlo che il team farà qualunque cosa è necessario per adempiere alle mete ci siamo prefissi per questa stagione."

Rio Haryanto piccolissimo insieme a Michael Schumacher

martedì 8 gennaio 2013

PIRELLI SHOW CON LE STOCK CAR BRASILIANE

Pirelli annuncia il ritorno come fornitore esclusivo di pneumatici per la Stock Car Brasile, la principale competizione di automobilismo nazionale (quella dove approderà quest'anno Barrichello), per i campionati dal 2013 al 2016. La presentazione è avvenuta nel corso di una conferenza stampa alla quale sono intervenuti, Gianfranco Sgro, chief operating officer di Pirelli Sudamerica, Paul Hembery, direttore Motosport di Pirelli e Mauricio Slaverio, direttore generale di Vicar. Per i prossimi campionati Stock Car, la casa porterà i pneumatici da competizione PZero, nella versione d’asciutto, e i pneumatici Cinturato, nella versione da pioggia, prodotti nella fabbrica di gomme motorsport di Pirelli a Izmit, in Turchia. La mescola utilizzata per la produzione delle gomme della Stock Car sarà prodotta nel polo tecnologico di Settimo Torinese, in Italia, lo stabilimento dove sono prodotte anche le mescole della Formula 1.